convegno – segni esemplari

Organizzato e promosso dal Complesso Monumentale della Pilotta, Biblioteca Palatina e Fondazione Museo Bodoniano, il convegno vuole essere il secondo e conclusivo momento di celebrazione del bicentenario della pubblicazione del Manuale tipografico di Giambattista Bodoni nella giornata di chiusura della mostra Segni esemplari.
Da un’idea di Silvana Amato, curatrice dell’omonima mostra, il convegno oltre ad analizzare i caratteri e il Manuale tipografico di Bodoni, propone una riflessione più ampia sullo sviluppo della scrittura alfabetica nella sua forma tipografica tra il XVII e il XX secolo.
 
 
Programma
 
Ore 10.00
Simone Verde
Apertura e saluti
Andrea De Pasquale
Il recupero del patrimonio tipografico bodoniano: catalogazione, digitalizzazione e restauro
 
Ore 10.35
Pierfilippo Saviotti
Metodi e pratiche dell’arte della stampa: i più influenti manuali tipografici europei tra XVII e XIX secolo
 
Ore 11.00
James Clough e Riccardo Olocco
I caratteri latini di Bodoni, uno sguardo approfondito ai manuali tipografici
 
Ore 11.35
James Mosley
Giambattista Bodoni e i caratteri d’argento di John Baskerville
 
Ore 12.15
Pausa
 
Ore 12.30
Marta Bernstein
Tra Bodoni e la Nebiolo, i cento anni perduti della tipografia italiana
 
Ore 12.55
Alessandro Colizzi
Tipografia nel Novecento e oltre: ascesa, declino e rinascita
 
Ore 13.20
Silvana Amato
Conclusioni
 
Ore 13.30-14.30
Finissage mostra

 

— segni esemplari è una mostra a cura di Silvana Amato;

con Grazia De Rubeis e Caterina Silva;
è stata possibile grazie al prezioso contributo di famosi grafici internazionali quali Majid Abbasi, Peter Bilak, Matthew Carter, Simon Esterson, Vince Frost, Mark Gowing, Joost Grootens, Jianping He, Henrik Kubel, Zuzana Licko, Sascha Lobe, Ellen Lupton, Karel Martens, Ahn Sang-Soo, Gerwin Schmidt, António Silveira Gomes, Erik Spiekermann, Astrid Stavro, Sumner Stone, Lucille Tenazas, Patrick Thomas, Rudy VanderLans;
un ringraziamento particolare va a Chiara Medioli;

i volumi esposti in mostra provengono in gran parte dalla collezione della Biblioteca Palatina, altri prestiti sono stati gentilmente concessi da Tipoteca Italiana Fondazione e da Aiap – Centro di Documentazione sul Progetto Grafico;
hanno collaborato con Silvana Amato al progetto grafico della mostra Rosanna Lama e Nicolò Mingolini;
il carattere del testo è il Caponi di Paul Barnes e Christian Schwartz, Commercial Type 2014, le sue forme sono basate sui caratteri disegnati nei primi anni di attività da Bodoni; gli ormamenti e qualche altro segno qua e là sono invece tratti dal Bodoni ornaments e dal Bodoni ITC di Sumner Stone;
Fedrigoni è lo sponsor tecnico della mostra;

la mostra ha il patrocinio di AGI Alliance Graphique Internationale, Aiap, Università Isia di Urbino.